I motori di ricerca analizzano il vostro sito web pagina per pagina. Ogni singola pagina ha il potenziale per comparire nei risultati del motore di ricerca portando visitatori preziosi sul vostro sito web. Per questo motivo è fondamentale ottimizzare non solo la home page ma anche le pagine secondarie. Vediamo quali pagine vale la pena candidare per l’indicizzazione SEO.

Home Page
L’home page vi dà la possibilità di posizionare il sito rispetto a keyword generali e ma allo stesso tempo distintive del settore a cui appartenete. Per questo in home page è necessario includere frasi con parole chiave che descrivono il vostro business da un punto di vista abbastanza ampio con alcuni termini specifici della vostra offerta. Inoltre la maggior parte dei link in entrata punta alla home page: questo maggior numero di link comunica a Google che la vostra home è la pagina più credibile del sito; per questo motivo, se intendete classificare una parola chiave molto competitiva, la home page è il luogo dove farlo.

Pagine di prodotto/servizio
Le persone che cercano online informazioni su prodotti industriali o servizi professionali utilizzano per la ricerca termini specifici, ovvero sanno già cosa vogliono e devono solo scegliere da chi andare a comprare. E’ necessario quindi che le pagine che descrivono la vostra offerta siano complete di descrizioni, termini tecnici, immagini e schede prodotto per ogni voce del vostro “listino”. In generale il numero di persone che effettua la ricerca attraverso una parola chiave più specifica è inferiore rispetto a coloro che utilizzano una parola chiave più generica ma quando le persone cercano in termini più stretti, tendono ad essere più qualificati e motivati ​​a comprare.

Pagine portfolio
Le pagine portfolio/referenze sono spesso trascurate durante il processo di SEO; tuttavia, se ottimizzate correttamente, possono attrarre un traffico molto rilevante. Ad esempio, se siete un’azienda specializzata in pavimenti per palestre, potete arricchire la gallery dedicata ad ogni progetto con un testo ricco di parole che descriva il vostro lavoro per quel tipo di cliente. Le persone che cercano questo servizio specifico potrebbero trovare la vostra pagina e scoprire che offrite proprio quello che stanno cercando.

Blog post
Sono le pagine più importanti da ottimizzare, in quanto i post sul blog hanno il potenziale per guidare la maggior parte del traffico dal motore di ricerca. Ogni volta che pubblicate un post dedicato a una parola chiave specifica, create un’altra opportunità per essere trovati dagli utenti. Includendo la parola chiave nel titolo del post e inserendo il termine nel testo, i motori di ricerca riconosceranno quello che state cercando di classificare. Mentre le altre pagine sono focalizzate sui prodotti/servizi, le case history e la location, i post di blog dovrebbero essere più educativi o trattare argomenti/problematiche rilevanti per il pubblico. Attrarre gli utenti attraverso i post del blog è un modo dimostrato di connettersi con le prospect all’inizio del processo di acquisto.

Pagine di posizione
Google sta diventando sempre più consapevole della posizione geografica quindi ricordatevi di esplicitare la vostra location nella pagina dedicata ai contatti per aiutare il motore di ricerca a farvi trovare dai giusti utenti.

Profili sociali
Google e gli altri motori di ricerca classificano anche i profili sociali. Quando cercate un brand o un argomento, probabilmente vi compariranno alcuni profili o post social nella prima pagina dei risultati della ricerca. Come tutte le pagine web, parole chiave, link e contenuti pertinenti influenzano le possibilità che il vostro profilo venga visualizzato su Google. Assicuratevi quindi che le pagine social siano completamente compilate con i dettagli aziendali. Quando condividete i post accettatevi inoltre che il contenuto contenga sempre dei link al sito web.

 

Vuoi ricevere una consulenza branding personalizzata per differenziarti e far crescere il tuo business? Clicca qui per essere subito ricontattato!