Una pagina adv su una rivista di settore e un banner sul web non fanno una campagna. O meglio, potrebbero esserne l’output dopo aver seguito tutti i passi necessari per la pianificazione e il lancio. Ma quali sono questi passi? Scopriamoli insieme!

1) Avere ben chiaro come la campagna di marketing si inserisce nel più ampio piano di marketing

Il piano di marketing è il Master Plan per lo sviluppo della vostra impresa. Fornisce l’immagine completa degli obiettivi e delle strategie di marketing per portare all’attenzione del mercato l’azienda, i vostri prodotti e /o servizi. La campagna di marketing, d’altra parte, è un piccolo pezzo del piano, un’azione progettata per raggiungere un obiettivo particolare.

2) Impostare l’obiettivo e i parametri della campagna di marketing

Cosa volete raggiungere con la campagna? Siate il più possibile specifici. Non solo, “vogliamo vendere di più”, ma quanto di più? e di quali prodotti o servizi? Parlando di parametri, Il tempo è il parametro più comune che deve essere incluso in quanto le campagne di marketing perdono la loro efficacia nel tempo.

La formula per impostare gli obiettivi della campagna deve rispondere a: che cosa sarà raggiunto? + in quanto tempo? Ad esempio: le vendite del prodotto xy aumenteranno del 50% in tre mesi.

3) Determinare come misurerete il successo

Quali metriche intendete utilizzare? Ovviamente, se l’obiettivo è “aumentare le vendite del prodotto xy  del 50% in tre mesi“, la misurazione è semplice. Tuttavia, il volume/fatturato di vendita potrebbe non essere una metrica appropriata se l’obiettivo di marketing è quello di aumentare la brand awareness o aumentare il traffico al sito web. Per il monitoraggio onlinedegli sforzi di marketing Google Analytics è l’alleato perfetto, per misurare il livello di brand awareness potete attivare un sondaggio presso i target di riferimento.

4) Impostare il budget della campagna di marketing

No budget = No campagna. Non deve necessariamente essere molto, ma un minimo deve essere messo a budget.

5) Scegliere i canali per comunicare

Quali canali di comunicazione intendete utilizzare? E-mail? Pay-per-click online? Cartellonistica? Alcuni canali di comunicazione saranno più adatti al vostro (o ai vostri target) di mercato rispetto ad altri. Per ogni segmento di target scegliete una combinazione di canali tenendo conto delle abitudini. I prospect dove trascorrono il loro tempo? Dove è più probabile che vedano e prestino attenzione alle informazioni sui vostri prodotti e / o servizi? Su una rivista? Su un banco di autobus? Sul loro smartphone?

6) Creare la timeline del piano d’azione

Scrivete esattamente quello dovrete andare a fare e quando. Averlo chiaro fin dall’inizio consentirà di gestire al meglio il lavoro dell’intero team.

7) Eseguire

Scrivete il copy dell’annuncio, create il banner, la pagina, e lanciate la campagna. Tornate alla timeline del piano d’azione, selezionate ciò che avete già eseguito, scrivendo la data in cui avete completato ogni attività. Questo vi terrà focalizzati sui prossimi step.

8) Misurare i risultati

A fine campagna verificate cosa è successo. Obiettivi di marketing alla mano (punto 3), misurate quello che avete scelto di misurare per determinare il successo o l’insucesso della campagna. Ogni dato è utile per migliorare in futuro.

9) Correggere e ripetere a piacere

Dopo aver misurato i risultati, sarete in grado di valutare le scelte che avete fatto per la campagna appena conclusa e decidere se ripeterle in futuro, integrarle o modificarle sostanzialmente.

Essenzialmente, qualsiasi campagna è meglio di nessuna campagna, perché significa che state indirizzando i vostri sforzi di marketing in un flusso organizzato di attività piuttosto che in iniziative spot. Certo è che per ottenere risultati è richiesta una certa pianificazione e uno sforzo coordinato dell’intero team dedicato.