Quando si inzia a parlare di strategie di marketing, branding e identità aziendale ad un certo punto ci si trova ad affrontare due parole che spesso mettono in confusione: Mission e Vision.

Non sono concetti difficili da “tirare fuori” dal tavolo di lavoro in azienda, una volta che tutti hanno chiaro in mente la definizione di ognuna di queste parole, risulta invece un compito difficilissimo quando i due termini vengono mal interpretati dal gruppo di lavoro. Qual’è la differenza tra mission e vision?

E’ necessario fare chiarezza in quanto mission e vision sono due elementi importantissimi, fondamentali, proprio dal punto di vista strategico. Rappresentano una specie di “faro” guida, per quanto astratto e lontano, su cui si basano poi tutte le decisioni, le attività strategiche e tattiche dell’azienda. Possiamo dire che i due concetti insieme dovrebbero riassumere la ragione che muove l’operato di un’azienda, l’insieme dei suoi scopi e dei suoi valori. Nello specifico, scindendo le due parti, possiamo definirle così.

La vision consiste nell’esplicitazione degli scopi più alti che l’attività imprenditoriale vuole raggiungere: agisce sul futuro, sintetizza “ciò che intendiamo offrire al nostro pubblico in base ai loro desideri”, fissa degli obiettivi e disegna, in sintesi, una previsione.

La mission, strettamente correlata alla vision, traduce in concetti pratici il modo più opportuno per realizzare la vision: agisce nel presente e tiene conto del contesto attuale in cui l’azienda opera, e deve quindi esprimere gli elementi distintivi dell’azienda, le peculiarità che le permettono di differenziarsi dagli altri player del mercato (in un dato momento).

Qui un esempio molto chiaro, lineare anche per quanto riguarda l’aspetto grafico, da Samsung, di visionmission e obiettivi aziendali:

vision_mission_samsung

 

E voi avete definito le vostre vision e mission aziendali?

Immagine: samsung.com/it